PARCO DEL POLLINO, 8 SINDACI CHIEDONO DI ANTICIPARE E ESTENDERE LA CACCIA AL CINGHIALE

Otto comuni dell’ area calabrese del Parco del Pollino, chiedono di anticipare ed estendere la durata della caccia al cinghiale per ridurne il numero e contenere i danni provocati dagli animali alle colture. La richiesta e’ stata inoltrata al Presidente della Regione Calabria dai sindaci degli otto comuni i cui territori ricadono parzialmente nel Parco nazionale del Pollino: Aieta, Tortora, Santa Domenica Talao, Orsomarso, Verbicaro, Grisolia, Maierà e Buonvicino. “Oramai da anni – scrivono i sindaci in una nota – la popolazione dei cinghiali all’interno del Parco è aumentata notevolmente e stanno sempre più migrando verso le terre basse, dove si trova la gran parte della coltivazione dell’Alto Tirreno cosentino. E i danni sono in aumento esponenziale”. I sindaci evidenziano poi “il sempre maggior rischio di incidenti stradali notturni provocati dagli ungulati che stanziano in prossimità dei centri abitati”. I sindaci plaudono, infine, alla proposta del consiglio direttivo del Parco del Pollino di aumentare il numero dei selettori invitando a fare presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *