35 ANNI PER IL " CENTRO D’ ARTE E CULTURA 26 "

""IL CENTRO D’ ARTE E CULTURA 26 COMPIE 35 ANNI  – L’ Associazione di promozione culturale, fondata dalla Professoressa Maria Zanoni nel 1978 a Castrovillari, tra qualche giorno compie 35 anni di attivita’. Un importante traguardo raggiunto, con passione per la cultura, la storia e le tradizioni del territorio, con l’ intento di valorizzare i beni culturali regionali. Negli anni, superando oggettive difficolta’ e ripensando in modo critico il clima culturale dell’ intero territorio, con il supporto di accreditati consulenti, ha organizzato più di cento convegni di studio su problematiche socio-culturali in varie città della Calabria, ha allestito mostre d’Arte e di Fotografia ed ha dato alle stampe lavori di ricerca antropologica, conseguendo l’apprezzamento di Enti e comunità. Infatti il portale Internet www.arte26.it, punto di forza dell’idea di promozione culturale perseguita dall’Associazione, è accreditato dal Ministero Beni Culturali ed in rete con altri promoter culturali italiani e stranieri. 35 anni sono tanti per un’Associazione Culturale, ma nel suo cuore pulsa vitalità e creatività giovanile, che proviene dai tanti giovani coinvolti nel Laboratorio di ricerca dialettale, provenienti da tutta la Regione, che collaborano al Festival del Dialetto di Calabria, giunto alla sua terza edizione. Anima del Centro 26 è l’antropologa Maria Zanoni, cui erano sempre troppo strette le aule della Scuola Superiore, per poter dedicare più tempo alla ricerca sul campo. Ma il cuore pulsante dell’associazione sono i giovani che si dedicano a rendere concrete le idee, a collaborare all’organizzazione degli incontri culturali programmati, mai sporadici, con personalità della cultura di alto livello, che apportano il loro contributo di idee liberi da condizionamenti. La memoria viva, gli atti, di interessanti convegni sono i saggi pubblicati in questi anni sulle tradizioni popolari, i riti, l’evoluzione economica e sociale del territorio: a cominciare da Castrovillari antica, alle tradizioni calabresi dell’alimentazione mediterranea, ai rituali laici del Carnevale ed a quelli religiosi della Settimana Santa, alla cultura materiale legata alla vinificazione, alla cultura delle minoranze etno-linguistiche, al recente vocabolario etnofotografico sulla civiltà contadina. Questo 35° anniversario verrà festeggiato, all’insegna della semplicità, presentando il nuovo lavoro di Maria Zanoni: una monografia sull’avvocato Eugenio Donadio, un Maestro di Diritto, apprezzato dal mondo dell’Avvocatura e della Magistratura, scomparso tre anni or sono, che ha spesso dato il Suo autorevole contributo a convegni regionali, organizzati da Arte26, lasciando un ricordo indelebile della Sua forbita oratoria civile e forense. Il libro della Zanoni presenta scritti inediti di Donadio, foto storiche del Suo cursus honorum e testimonianze di avvocati, giudici e intellettuali che hanno conosciuto ed apprezzato le Sue doti umane e professionali. Durante il convegno, che gode del patrocinio morale della Camera Penale, dell’Ordine Forense e dell’Amministrazione Comunale di Castrovillari, la professoressa Donatella Laudadio e l’avv. Roberto Falvo presenteranno il profilo umano e professionale che la Zanoni ha tracciato di Eugenio Donadio, un grande intellettuale meridionale, oltre che illustre Penalista, che s’inserisce a buon diritto nel panorama della cultura contemporanea. Porteranno le loro testimonianze: il sindaco, avv. Mimmo Lo Polito, l’avv. Roberto Laghi e l’avv. Gianni Grisolia. L’appuntamento è per Sabato 23 Febbraio, alle ore 17, presso il Teatro Sybaris del Protoconvento Francescano, per continuare il percorso culturale intrapreso in quel lontano 1978.  

CategorieSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *