BUON VINO E SPORT NATURALISTICI NELLA " TRE GIORNI DEL PASSITO " DI SARACENA

[b]Buon vino e sport naturalistici nella " Tre giorni del passito " di Saracena – Saracena, tra vocazione enologica e nuove discipline sportive, ovvero dalla cucina di qualità allo sport da vivere dentro la natura incontaminata. A sostenere questo connubio, che in agosto si tradurra’ nella " Tre giorni del passito ", una manifestazione sportivo-enologica con in programma importanti gare di orienteering, il paese del Moscato passito e dell’olio di pregio – e dunque accreditato presidio slow food oltreché città garibaldina – si prepara con largo anticipo e nel consenso più condiviso, espresso nel corso di una riunione operativa svoltasi sabato scorso a cui hanno preso parte l’amministrazione comunale, con in testa il sindaco Mario Albino Gagliardi, il comitato organizzazione della manifestazione e l’Associazione Sportiva Dilettantistica Saracena–Novacco. Così, da venerdì 23 a domenica 25 agosto, circa cinquecento atleti di tutta Italia si sfideranno in alcuni degli scenari naturali più belli e suggestivi di Calabria in gare di orientamento (questo l’esatta traduzione del termine inglese “orienteering”, sport in decisa ascesa su scala mondiale): il 23 in una kermesse regionale, il 24 in una gara individuale di valore nazionale a Masistro e il 25 con l’evento clou di una gara nazionale a staffetta sul pianoro di Novacco. Per la cronaca, le ultime due gare saranno valide per l’assegnazione del Trofeo delle Regioni, indetto dalla Fiso, la Federazione italiana sport di orientamento. Per il sindaco Gagliardi, un successo e un motivo di grande soddisfazione, così grande da fargli dire, a fine riunione, che con questa manifestazione Saracena ”coronerà finalmente tanti anni di sforzi e di impegno”. «Questa gara sarà un grande avvenimento – ha dichiarato il sindaco di Saracena – che di fatto consacrerà Novacco come destinazione turistica privilegiata per il turismo montano. Con questa gara coroneremo i lunghi anni di appassionata promozione della nostra montagna, con tutte le discipline sportive invernali e non che vi si possono praticare. Sono sicuro che, dopo questo evento, Saracena potrà essere riconosciuta come riferimento per il Sud Italia dell’Orienteering, una di quelle discipline sportive che, come documentato, riescono ad attrarre numerosissime presenze turistiche in tutti i mesi dell’anno». Alla riunione operativa erano presenti – oltre a Mario Albino Gagliardi, nella duplce veste di sindaco e presidente del comitato organizzatore – il vice presidente Sandro Passante, e inoltre Giuseppe Cirigliano, Donato Sabatella, Piero Bellizzi e Anna Viola. Con loro pure il direttore dell’evento Armando Nuzzone e la delegata regionale Fiso Daniela Zicari. a.faz.[/b]

CategorieSenza categoria