CENTRALE DEL MERCURE PIU’ I PRO O I CONTRO? LA CGIL CHIEDE IL CONTO AD ENEL

p align="justify">""Centrale del Mercure piu’ i pro o i contro? La CGIL chiede il conto ad ENEL – Nota stampa della CGIL Sibaritide-Pollino che chiede l’ istituzione di tavoli di confronto sul tema energia, emergenza terremoto e sviluppo. " Quello dell’energia, che gradualmente sta uscendo dalla fase del carbonio, e’ un settore che in Calabria puo’ diventare, assieme all’ambiente e alla logistica, un asset importante per la spina dorsale della Regione e del Paese ". Questo si legge nella nota che continua – " In Calabria si concentrano mix energetici (solare, eolico, fotovoltaico, biomasse, gas) che di fatto non producono alcun ritorno per i cittadini Calabresi in termini economici e di investimenti da parte dei grandi gruppi che operano sul nostro territorio. Per queste ragioni, come Cgil, invertendo una tendenza all’ isolamento assunto dalla Regione Calabria in questi ultimi anni, abbiamo chiesto l’apertura di un tavolo nazionale presso il Ministero dello Sviluppo economico, per chiedere conto ad Enel sui benefici economici che l’investimento, relativo alla Centrale del Mercure puo’ produrre sul territorio, anticipando la nostra ferma indisponibilita’ a negoziare i temi della salute e la salvaguardia ambientale e naturale . Per queste ragioni chiederemo a breve, attraverso il Parco del Pollino, che con il rinvio del ricorso al Tar ha mostrato senso di misura e responsabilita’ ed utilizzando lo stesso metodo, la riconvocazione del tavolo nazionale sull’emergenza terremoto e lo sviluppo del Pollino presso il Ministero dell’ambiente. Nel frattempo chiediamo al nuovo Governo di individuare, cosi’ come avvenuto in Emilia, le misure per sostenere direttamente ed a ristoro dei danni, le popolazioni colpite dal terremoto, con un provvedimento d’urgenza per la sospensione dei mutui, dell’Imu, del bollo auto, delle rate Inps e Inail, delle tasse e delle trattenute fiscali dei lavoratori delle Imprese operanti nel cratere e previste nel decreto di emergenza ".

CategorieSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *