IL PARERE DEL FORUM AMBIENTALISTA S. GIOIA SUI 15 MILIONI DI EURO PER LA COMPENSAZIONE AMBIENTALE

""Stanziati 15 milioni di euro per la compensazione ambientale nella Valle del Mercure, il parere del forum ambientalista " Stefano Gioia " nella dichiarazione rilasciataci da Giuseppe Angelastro, di seguito il comunicato diffuso da Enel e sindacati dopo l’ incontro preliminare. Comunicato stampa – Calabria: accordo al Mise su compensazione ambientale valle del Mercure – Il lavoro, lo sviluppo del territorio, la tutela ambientale e la salvaguardia della salute non saranno sconfitti dalla burocrazia e dai vizi di forma. Questo il valore contenuto nell’accordo siglato ieri ( 14 gennaio 2014 ndr ) con il Governo e tra Enel, Regione Calabria, Regione Basilicata, Parco del Pollino, le Organizzazioni Sindacali confederali e di categoria di Calabria e Basilicata ed i Comuni della Valle del Mercure [Castelluccio Superiore, Castelluccio Inferiore, Lauria, Mormanno, Laino Castello, Laino Borgo e Papasidero]. L’accordo, infatti, dopo una trattativa durata mesi, – dicono Cgil, Cisl, Uil e Sindacati di categoria – rafforza i meccanismi di tutela ambientale e di salvaguardia della salute mediante la costituzione di apposito osservatorio, quantifica le ricadute occupazionali dirette dell’impianto circoscrivendole all’area della valle del Mercure e stabilisce misure di compensazione economica per i comuni della valle, il Parco del Pollino e le regioni per una somma complessiva di circa 15 milioni di euro che servira’ ad innescare ulteriori processi economici e di sviluppo per il territorio interessato. Le rappresentanze del territorio hanno cosi’ comunemente ribadito, seppur l’accordo siglato dovra’ essere recepito dagli organismi deliberativi delle varie istituzioni nelle prossime settimane, l’importanza dell’impianto industriale per lo sviluppo ed il rilancio del territorio e la compatibilita’ della centrale con l’area del Parco del Pollino. Questa volonta’ espressa, in attesa della discussione sull’ennesimo cavillo burocratico presso il Consiglio di Stato, traccia definitivamente il percorso da seguire nel prossimo futuro perche’, pur rimanendo fiduciosi per una sentenza positiva per la definitiva riattivazione dell’impianto, appare evidente che se cosi’ non dovesse essere dovranno mettersi in piedi tutti i procedimenti e gli atti politici conseguenziali affinche’ si arrivi alla definitiva autorizzazione dell’impianto del Mercure.

CategorieSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *