Logo


  .
  Notizie     
             
 
Versioni
Eventi
<
Giugno
>
L M M G V S D
-- -- -- 01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 -- --

 
PARCO NAZIONALE DEL POLLINO: CENNI STORICI
Inserito il 12 maggio 2006 alle 19:19:00 da Toziano Ernesto. IT - PARCO DEL POLLINO INFORMAZIONI

(f)

12000 a.C. I primi insediamenti umani nell' area del Parco del Pollino, si rilevano nella grotta del Romito presso Papasidero, da osservare che nelle sepolture rinvenute sono documentate forme del più lontano nanismo.
2500 a.C. Al periodo neolitico, risalgono i primi villaggi presso l' attuale Morano Calabro e Castrovillari, ed a circa mille anni prima di Cristo sono da riferirsi i reperti che provengono dai territori di Castrovillari, Chiaromonte e Cerchiara di Calabria.
730 a.C.Arrivano nel territorio del Parco del Pollino i Greci, i quali iniziano la colonizzazione del meridione, sorgono così le città della Magna Grecia: Sibari e Siris sullo Ionio e Laos sul Tirreno alle foci del fiume Lao. Sottomettono in breve tempo le popolazioni locali della costa, arrivando ad influenzare non poco con la loro cultura anche le popolazioni dell' interno, la cultura greca si ritrova infatti in tutti i reperti provenienti dai primitivi villaggi allora esistenti sul Pollino: Castrovillari, Morano Calabro, Viggianello, Noepoli, San Giorgio Lucano, San Costantino Albanese.
500 a.C. A causa delle mutate condizioni politiche ( caduta di Sibari per mano dei crotoniati ), giungono dal nord lungo i monti dell' interno, i Lucani e i Bruzi, popolazioni molto bellicose che in poco tempo si assoggettano l' area del Pollino, nel 356 a.C. i Bruzi creano una loro confederazione e si stabiliscono a Sud del Pollino che rimane così per intero sotto il controllo Lucano. E' fiorente in questo periodo la città fortificata di Cersosimo. Le conquiste romane della Calabria e della Lucania avvengono tra il 300 ed il 200 a.C., le colonie greche della costa cadono una ad una, nulla possono gli eserciti Bretti e Lucani, dopo lunghe lotte e a costo di durissime e sanguinose repressioni vengono sottomessi. Inizia così la decadenza sociale e ambientale dell' area del Parco del Pollino, la zona viene dichiarata demanio pubblico e diviene oggetto di un intenso sfruttamento forestale; socialmente viene completamente trascurata da Roma. L' unica opera pubblica di questo periodo è la Reggio-Capua ( Via Popilia ), realizzata intorno al 130 a.C. che passa dal Valico di Campotenese, Morano Calabro e Castrovillari con funzioni prettamente militari, per il resto non si registrano altri interventi, l' area viene lasciata nel più completo isolamento: lo scopo è di annientare qualunque tipo di sviluppo e di riorganizzazione sociale da parte delle popolazioni locali, troppo fiere e gelose della propria indipendenza e che mal sopportano il predominio romano. Lucania e Calabria subiscono così feroci disboscamenti, cha danno il là ad un progressivo dissesto idrogeologico.
500 d.C. Questi anni, sono difficilmente documentabili ma è certa la presenza della chiesa già consolidata con il territorio suddiviso in diocesi. L' arrivo dei Longobardi nell' area del Pollino segna la nascita del gastaldato di Laino. Intorno al IX° secolo l' area del Pollino vede l'arrivo di numerosi monaci Bizantini, essi fuggono dalle loro terre ormai dominate dai musulmani o percorse dalle loro angherie a caccia di " infedeli " da convertire all' Islam con la violenza. Nel X secolo la presenza Bizantina si rafforza con un notevole sviluppo del monachesimo, vengono così fondati i monasteri di: San Nicola di Pertusio nella valle del Mercure, Santa Maria del Piano ad Episcopia, Santa Maria di Costantinopoli a Noepoli, Santa Maria della Stella a San Costantino Albanese, Santa Maria a Cersosimo, Santa Maria delle Armi a Cerchiara di Calabria e San Pietro a Frascineto. Nel 968 il patriarca di Costantinopoli istituisce il Vescovato di Tursi; l' area del Parco del Pollino passa quindi sotto dominio bizantino.
1064 Nella prima metà dell' undicesimo secolo, arrivano nell' area i Normanni, si scontrano dapprima con i Longobardi del Gastaldato di Salerno, poi con i bizantini, nel 1064  prendono Castrovillari, è la fine del dominio bizantino. I normanni iniziano la ristrutturazione politica, economica e religiosa del territorio del Pollino; favoriscono il monachesimo benedettino per reintrodurre il rito latino al posto di quello greco, furono molto tolleranti verso i bizantini lasciando loro larga autonomia per quei territori soggetti ai monasteri. Il territorio viene suddiviso in contee cedute a signori, che nel tempo avrebbero esercitato il loro potere in modo assoluto e spesso dissennato, sia nei confronti del popolo che dell' ambiente. Le città dell' area che crescono d' importanza nell' undicesimo secolo sono: Chiaromonte, Senise, Noepoli e Castrovillari.
1250 Muore Federico II, nuove guerre attendono questo territorio, gli angioini venuti in aiuto al Papa per sottrarre le regioni meridionali al controllo normanno, intraprendono sanguinose lotti, alla fine del XIII secolo, tutta la zona del Pollino è sotto il loro controllo. Inizia anche questa volta la spartizione del territorio; molte contee vengono cedute dal Papa a chi aveva collaborato alla cacciata dei Normanni, in segno di ringraziamento. Tra i maggiori feudatari del periodo si ricordano i Sanseverino, la spartizione del territorio si rivela oltremodo dannosa, inizia un disastroso periodo di depressione sociale, morale, economica e ambientale con l' aggravante di carestie e pestilenze. Nonostante il relativo spopolamento di fronte a siffatti avvenimenti, nel 1395, viene fondata la Certosa di San Nicola; nelle cui vicinanze si svilupperà Francavilli in Sinni.
1500 Il ripopolamento delle aree avviene grazie all' arrivo dei profughi albanesi che alla pari dei bizantini di allora fuggono dal comune nemico ( dopo la morte di Skanderbeg infatti i musulmani devastano l' Albania ), i profughi vennero accolti con una certa benevolenza dalle autorità ecclesiastiche e dai feudatari e le probabili motivazioni sono da ricercarsi sia nell' aiuto che l' eroe albanese prestò a Ferrante I ai tempi della Congiura dei Baroni, sia nel matrimonio tra Irene Kastriota Skanderbeg, pronipote dell' eroe albanese, con Pietro Antonio Sanseverino. Si popolano alcuni centri: Frascineto, Civita, Acquaformosa, Ejanina, Lungro, San Costantino Albanese e San Paolo Albanese. Nel sedicesimo secolo il territorio del parco è sotto il dominio assoluto degli aragonesi ( a Castrovillari ve nè una prova nel Castello Aragonese realizzato nel 1490), certo forse non vi fu una pena più grave per il già disastrato territorio, la loro dominazione portò a sfruttare il più possibile uomini e ambiente, tasse esose per il disastrato tessuto sociale ed un indicibile malgoverno. Di questo periodo è la costruzione del Convento di Colloreto ( 1545 ) ai piedi di Serra del Prete nel territorio di Morano Calabro, sorgono i centri di: San Severino Lucano agli inizi del XVI secolo, Terranova del Pollino alla fine del XVI secolo, San Lorenzo Bellizzi nel 1648 e Fardella nel 1690.
1700 Alla dominazione aragonese segue il Viceregno Austriaco, siamo nel 1714, questo periodo per il territorio e le popolazioni del parco, rappresenta una breve parentesi poco significativa. Gli anni che vanno dal 1700 sino all' insediamento di Carlo III di Borbone, vedono esplodere la rabbia dei contadini con l' occupazione dei terreni feudali, tumulti si hanno nel 1736 a San Costantino Albanese, Senise, e Francavilla in Sinni anche la seconda metà del XVIII secolo è caratterizzata dall' occupazione di terreni feudali da parte dei contadini a Rotonda, Viggianello, Chiaromonte, San Costantino Albanese. Questa era si acquieta con la salita al trono di Carlo III di Borbone, fu un sovrano saggio e intelligente, mosse i suoi passi in pieno Illuminismo ed il territorio beneficiò del suo regno, sono di questo periodo due disposizioni regie sulla proibizione del taglio di boschi per ridurli a coltura, ma anche questo periodo ha fine e nè incomincia un altro in cui tutto il bene fatto viene dismesso, siamo nel regno di Ferdinado IV, sovrano incapace di portare avanti le riforme avviate, a cui si aggiungono la grave carestia del 1714 ed il terremoto del 1783, in questo clima la situazione trascende, sono anni difficili e come molti autori affermano, miseria e sofferenza spingono senza rimedio le masse popolari a cercare conforto nella religione e nel soprannaturale, di questo periodo è la costruzione del Santuario della Madonna del Pollino. Siamo alla fine del XVIII secolo e gli echi della rivoluzione francese arrivano anche su queste montagne, si ha notizie che otto persone a Rotonda e sette a Chiaromonte vennero arrestate per aver propagandato gli ideali rivoluzionari di libertà e di uguaglianza. La Repubblica Partenopea è alle porte, nel 1806 le truppe napoleoniche sconfiggono i borbonici a Campo Tenese proprio sul Pollino, è un periodo questo ricco di riforme e soprattutto dell' abolizione della feudalità. L' attuazione delle riforme è però fortemente ostacolata sia dalla nobiltà che dall' arricchita borghesia a spese degli strati più deboli, relegati sempre più alla miseria e alla ignoranza. Il fenomeno del brigantaggio è ferocemente alimentato con grande dispendio di mezzi dalla corte borbonica, stabilitasi nel frattempo in Sicilia, la dura repressione francese del fenomeno secondo il parere di Carlo Maria L' Occaso serve comunque a rendere più sicure le strade della Calabria.
1815 Tutta l' Europa subisce i mutamenti della restaurazione, l' area del Pollino ritorna nelle mani dei Borboni, ricade quindi se mai ne fosse uscita nell' abisso, nessuna misura per la ripresa dell' economia locale, si verificano nel periodo terremoti di una certa importanza, quello del 1858 che si unisce a quello del 1783 ed a quello del 1894. Gli anni che vanno dalla restaurazione al primo novecento, nonostante l' unificazione d' Italia non vedono intraprendersi le misure drastiche di cui c' era pur bisogno, si pone quindi la " Questione Meridionale " in modo evidente.
1900 A cavallo dei due secoli inizia una massiccia emigrazione verso le americhe con notevole dispersione di forza lavoro, fenomeno che purtroppo si ripeterà tra gli anni 1950 e 1960 questa volta il flusso delle masse meridionali sarà diretto verso la Germania, la Francia e il triangolo industriale italiano. Fra gli anni 1920-1930 si verifica l' ultimo grande sfruttamento boschivo, questa volta il legname serve per la produzione delle traverse ferroviarie, questa volta la tecnologia non lascia scampo anche agli angoli mai visitati sino ad allora. Questo secolo vede l' istituzione nell' area del Parco Nazionale del Pollino con DPR del 15.11.1993 e riperimetrato con DPR del 2.12.1997. [/b]
Oggi

Letto : 16850 | Torna indietro
 
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
I nostri preferiti
Visitatori
Visitatori Correnti : 21
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
 
 

© ET&COMUNICATION  Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.4 derivato da ASP-Nuke v1.2
Questa pagina è stata eseguita in 0,046875secondi.
Versione stampabile
Versione stampabile